Google Chrome è il browser gratuito sviluppato da Google e lanciato sul mercato il 2 settembre 2008 per il sistema operativo Windows. Nell’anno successivo, fu aggiunta la versione per Linux e Mac Os X. Da allora la sua popolarità è costantemente cresciuta, fino a divenire oggi il browser più utilizzato al mondo. Secondo il sito w3schools.com infatti, la percentuale di utilizzo di Chrome è del 59.6%, seguito con ampio distacco dal concorrente Firefox, con una percentuale di utilizzo del 24% (dati di settembre 2014). Nel 2012 è stata rilasciata anche la versione mobile del browser per i sistemi operativi  iOS e Android.

Per quanto riguarda le caratteristiche software, Chrome è sviluppato utilizzando i linguaggi di programmazione C++, Assembly, Python e Javascript. Gli sviluppatori della casa di Mountain View hanno creato questo nuovo browser partendo da zero, ispirandosi alle migliori caratteristiche dei browser allora esistenti. L’idea era quella di concepire una piattaforma integrata e integrabile con le applicazioni web e non un semplice strumento di navigazione della Rete.

I motivi del suo grande successo possono essere quindi riferiti proprio al fatto che Google Chrome interagisce strettamente con il motore di ricerca numero uno al mondo, Google, e a tutti i servizi a questo legati.

In particolare i pro di Google Chrome sono i seguenti:

  • Velocità. Dalla sua prima versione, Google Chrome si è dimostrato più veloce rispetto ai concorrenti. Tale risultato fu ottenuto riscrivendo da capo la virtual machine di Javascript, rendendola più veloce e velocizzando di conseguenza la visualizzazione dei contenuti web. Sicuramente tale caratteristica è stata dall’inizio la carta vincente di questo browser. Ad oggi Google Chrome risulta essere il terzo browser più veloce, dopo Opera e Maxthon Cloud Browser.
  • Aderenza completa agli standard HTML e HTML5.
  • Flash Player, il software per visualizzare tutti i contenuti multimediali online creati con tecnologia Adobe, già integrato.
  • Interfaccia minimale ed estremamente semplice: include le icone indietro, avanti, ricarica, preferito e vai. Le schede sono il componente primario dell’interfaccia utente di Chrome e sono state spostate sopra i comandi invece che sotto come negli altri browser. Le schede possono essere trasferite facilmente in una finestra di Chrome separata, semplicemente trascinandole. Inoltre, tale interfaccia si adatta anche a risoluzioni video basse (sotto gli 800 pixel di altezza).
  • Lettore PDF già integrato nel browser (a partire dalla versione 8.0). Questo ha permesso di rimuovere il plug-in di Adobe Reader.
  • Stretta sinergia con i servizi di Google, tra i quali Google Translate, Google Drive (servizi cloud), Google Maps e moltissimi altri.

Per quanto riguarda i contro, c’è sicuramente da segnalare il problema di GoogleUpdate. Tale plug-in, che si installa automaticamente, ad ogni avvio del sistema operativo tenta di connettersi al server di Google per cercare aggiornamenti software. Se trova un aggiornamento, la sua installazione può rallentare temporaneamente gli altri processi. Il problema può essere evitato rimuovendo GoogleUpdate, ma in questo caso Chrome non verrà più aggiornato automaticamente e si dovrà farlo manualmente.

Ciò nonostante Chrome risulta essere uno dei migliori browser. Un’ultima nota tecnica: l’attuale versione è la 38.0.2125.104 ed è scaricabile dal link ufficiale Google.

Share This